Oltre che dei prodotti o servizi da vendere, un negozio online ha bisogno di contenuti sia obbligatori per legge che necessari per generare traffico web e facilitare la navigazione.

Trai contenuti obbligatori, sul sito web devono comparire l’indirizzo internet, i dati che identificano l’internet service provider, il numero di partita iva dell’attività commerciale. Ci sono anche molti altri dati che è necessario inserire e che sono esplicitati secondo l’articolo 7 del d.lgs. 70/2003. Vale a dire:

nome o ragione sociale; domicilio o sede legale; estremi di contatto compresa e-mail; numero di iscrizione al registro delle imprese; ordine professionale (in caso di professioni); indicazione chiara dei prezzi (evidenziando se compresi o meno di imposte e costi di consegna o meno); indicazione del diritto di recesso con le modalità per esercitarlo.

La giustizia europea ha anche disposto che chi ha un negozio online deve obbligatoriamente mettere a disposizione degli utenti un contatto valido (Corte di Giustizia Europea C-298/07 del 2008) cui poter chiedere chiarimenti e informazioni anche prima della vendita. Inoltre, se il cliente ne fa richiesta, è obbligatorio mettere a disposizione anche un numero telefonico di comunicazione diretta. Tra i contenuti obbligatori è infine prevista l’informativa sulla privacy come disposto secondo l’articolo 10 della legge 675/1996.

Come detto, però, i contenuti vanno prodotti ed organizzati anche e soprattutto per generare traffico web e fidelizzare i clienti. Per far ciò, può essere necessario organizzare il sito anche attraverso articoli di approfondimento e news aggiornate. Far questo presenta numerosi vantaggi tra cui:

  • La percezione che il sito non sia abbandonato a se stesso;
  • La comunicazione del proprio modo di essere e dei propri punti di vista su argomenti interessati;
  • Rafforzare la propria immagine trasmettendo la sensazione di essere in grado di spiegare i prodotti, oltre che di venderli.
  • In questo modo la fidelizzazione può essere incrementata inviando anche newsletter che presentano le nuove news apparse sul sito assieme ad iniziative commerciali e offerte.

Ad esempio, se un negozio online tratta la vendita di introvabili capi di moda, il sito dovrebbe contenere anche articoli che spieghino come sono nati, come indossarli ed in che occasioni, che indichino in quali sfilate sono stati proposti, illustrino novità in generale nel campo della moda e degli accessori, il tutto per tenere aggiornati tutti gli appassionati e contribuire ad incrementare le visite. Non solo, ma così facendo si creerà nel tempo un’immagine positiva per cui chi “ci conosce” sa di potersi fidare di contenuti di qualità, e chi non ci conosce potrà fare affidamento sui feedback o su commenti positivi degli altri che ci sono già passati. È un processo lungo e dispendioso, ma che se ben fatto porta a riconoscere ed apprezzare il nostro impegno, la qualità del sito, ed in definitiva i prodotti proposti in vendita.

Per quanto riguarda il font da utilizzare, è consigliabile un carattere chiaro e senza fronzoli come il verdana o il calibri. Gli articoli non dovranno comunque essere troppo lunghi perché il lettore online si stanca prima, dunque è opportuno non superare mai le 50 righe per pagina, inserendo almeno un’immagine per articolo.